Innova Ocular - ICO Barcelona

5 buoni motivi per correggere le tue diottrie all’ICO

Molti pazienti usano Internet per conoscere i centri e le tecniche che li possono aiutare a togliere gli occhiali o le lenti a contatto.

La decisione di dove e da chi farsi operare gli occhi è fondamentale. E dove una persona deve tenere più precauzioni e difficoltà.

Queste sono le ragioni principali che vogliamo mettere nell’Unità di Chirurgia Refrattiva dell’ICO scelta di prima linea in questa importante decisione.


1 . Il Laser Amaris

Si tratta del laser più avanzato e con maggiore prestigio nella comunità scientifica e meglio valutato dai pazienti. Attualmente è lo strumento di chirurgia dell'occhio con maggior valore intrinseco. Trasmette al tessuto corneale l’energia perfettamente dosata e misurata punto a punto per ciascuno dei milioni di impatti necessari per modificare la curvatura e correggere le diottrie.
É essenziale garantire che il laser sia in grado di seguire qualsiasi movimento che faccia l’occhio durante il trattamento, anche se questi movimenti sono involontari. In questo modo tutti gli operati hanno la garanzia che il trattamento non sarà decentrato e ciò fa sì che i pazienti entrino in sala operatoria con la minimo preoccupazione.

L’abbreviamento della la durata dell'intervento costituisce un grande progresso, 3 o 4 minuti volano. La frase che si sente dire al paziente in sala operatoria al termine delle operazioni è quasi sempre la stessa: “già finito?”.
Il trattamento personalizzato con la topografia è un altro punto chiave.


2. L'equipe chirurgica

Il chirurgo ( Dr. David Andreu ) prepara l’occhio in modo che tutto vada bene. Esegue il taglio per ottenere il lembo corneale con il microcheratomo a pendolo, strumento semplice, preciso e super sicuro. Il chirurgo centra e focalizza il laser. Alla fine riposiziona il lembo corneale e assicura che senza suture la cornea rimanga quasi come se non fosse stata toccata.

Il laser non funziona da solo. Il tecnico (DOO Virginia Andreu) programma il laser per ciascun trattamento ed esegue tutte le tarature e protocolli che richiedono il controllo di qualità del laser. La precisione e la sicurezza dell'uso del laser sono a tua disposizione.

Gli altri strumenti non vengono maneggiati soltanto dal chirurgo. L'infermiera instrumentista ( DUE Isabel Grau ) mantiene e passa alle mani del chirurgo lo strumentario microchirurgico e garantisce il corretto funzionamento del microcheratomo. Garantisce inoltre un aspetto fondamentale dell’intervento chirurgico: la sterilità .

Questo team chirurgico continua a lavorare insieme ininterrottamente dal 2001 per tutti i casi di laser ad eccimeri operati all’ICO.


3. Le apparecchiature per la diagnostica

La chirurgia refrattiva richiede uno studio molto approfondito per ogni paziente. Le ragioni per cui si esegue la chirurgia e stile di vita di ogni singolo caso deve essere chiari. Ci sono molte misure che influenzano la decisione e la programmazione laser : la refrazione, lo studio dell’accomodazione (che comprende la graduazione con le gocce che dilatano la pupilla), i valori di curvatura corneale, lo spessore corneale in micron, il diametro della pupilla. Sono tutti numeri che devono essere valutati da mani esperte.

" La precisione laser inizia con la precisione di queste misure."

Inoltre è necessario valutare la possibile indicazione di altre tecniche come l’impianto di lente intraoculare ICL o la sostituzione del cristallino in cui il laser nei casi in cui il laseri non sia la scelta migliore.

DOO . Montse Ortiz come responsabile dell’Optometria Clinica lavora  nell’equipe sin dal suo inizio e condivide lo studio e la gestione dei pazienti con il Dr. Hector Farina. DOO Juli Viadé, DOO Anna Medina e DOO Carmen Aleson eseguono tutti gli studi di optometria dell’Unità di Chirurgia Refrattiva.


4.Il servizio di Pronto Soccorso e l’Equipe multidisciplinare.

Anche se la chirurgia refrattiva è estremamente sicura questo non assicura completamente che non possa verificarsi un problema dopo l'intervento, o semplicemente che insorga un dubbio su come amministrare il trattamento, l’entrata di una pagliuzza o un colpo ricevuto sull’occhio dalla mano del nostro bambino. Si tratta di un grande vantaggio di avere un equipe che si occupi delle urgenze in maniera adeguata che conosca tutte le procedure e abbia l'accesso computerizzato immediato a tutte le informazioni del paziente e del suo intervento. L’ICO, che possiede un servizio di Pronto Soccorso permanente dal 1989, ha sempre goduto di questo vantaggio per tutte le operazioni condotte dai suoi chirurghi.

La chirurgia refrattiva non dovrebbe concentrarsi solo la cornea e il cristallino. L'occhio è un sistema integrato che richiede un team di specialisti altrettanto integrato. Tutti i problemi preesistenti o successiva che colpiscono la retina o qualche tipo di glaucoma associato o la necessità di uno studio oculoplastico o neuro-oftalmologico si avvale di unità specializzate di alta qualificazione.
 

5. L'impegno etico

La Chirurgia refrattiva all’ICO si è sviluppata fin dalla sua nascita secondo un rigoroso comportamento etico. Si operano soltanto i casi che rispettino tutti  criteri di sicurezza. Si seguono rigorosamente tutti i vincoli delineati dai progressi scientifici. Vengono utilizzati soltanto materiali chirurgici di alta qualità per ogni paziente. Tutti i casi speciali sono discussi in una sessione clinica in modo da trovare la migliore soluzione all’interno dell’equipe.

Impegno etico per ogni persona che affida i suoi occhi sul alla nostra equipe. E un’altro aspetto fondamentale: la massima informazione e comunicazione durante tutto il processo.

Questo sito web usa cookies, leggi la nostra politica della privacy qui
Politica dei cookies